Antifurti Satellitari, Raffaele Grimaldi: «Durante l’installazione anche un filo può fare la differenza»

A spiegarci l’importanza di interventi professionali e a regola d’arte, anche in aftermarket, è il fondatore e titolare del Centro Grimaldi Antifurti Satellitari, realtà di Milano dal 1989 specializzata nel campo dell’elettronica al servizio delle quattro ruote, con particolare attenzione all’installazione e assistenza di antifurti satellitari ma anche navigatori, sensori parcheggio, dispositivi viva voce in bluetooth e sensori di tracciamento. Una realtà diventata oggi un punto di riferimento per concessionarie e proprietari di auto, dalle utilitarie alle auto di lusso fino a quelle d’epoca, alla ricerca della migliore soluzione di prevenzione contro i furti.

Signor Grimaldi come è cambiata la tecnologia degli antifurti satellitari?

«È cambiata notevolmente, sia nelle dimensioni delle centraline, oggi più piccole di una mano e con antenne Gps e Gsm integrate, sia negli assorbimenti e quindi nei consumi sulla batteria. Logicamente sono migliorate anche le prestazioni: ci sono, infatti, antifurti satellitari che hanno anche le funzioni dell’antifurto sonoro, cioè vuol dire che nel momento in cui si rompe un vetro o si apre una portiera scatta automaticamente una sirena all’interno dell’abitacolo che allarma il proprietario del veicolo e la centrale operativa».

Lei è esclusivista per Milano e hinterland di LoJack: è un prodotto top di gamma?

È un sistema di recupero all’avanguardia che si differenzia totalmente da tutti gli altri satellitari per tre aspetti. Per prima cosa lavora in radiofrequenza e non in Gps: in questo modo può funzionare nei container blindati e nei garage sotterranei, dove un satellitare classico normalmente non funziona, e non è soggetto a jamming, il disturbo di segnale. È poi un prodotto autoalimentato con una propria batteria separata che ha una durata di 7 anni e non interferisce sull’impianto elettrico e non fa decadere la garanzia originale dell’auto. Infine, essendo autoalimentato, può essere posizionato e nascosto in almeno 20 punti diversi della vettura a differenza dei tradizionali satellitari ed è direttamente in contatto con la Forze dell’Ordine».

A proposito di interferenze elettriche, quanto conta la professionalità dell’installatore?

«È basilare. Ogni installazione deve essere fatta a regola d’arte, a prescindere dal valore dell’auto, e ogni filo deve essere saldato a stagno per non interferire sull’impianto elettrico. Poi anche i piccoli dettagli come i nastri isolanti possono fare la differenza: per garantire una maggiore sicurezza è infatti fondamentale che i componenti per l’installazione rispecchino le caratteristiche e la conformità della vettura. Si deve cercare inoltre di utilizzare accessori e ricambi il più possibile uguali a quello dell’impianto elettrico originale».

Quali sono le responsabilità dell’installatore?

«La responsabilità dell’installatore è tutta nel lavoro svolto a regola d’arte perché se un antifurto viene installato male può interferire sullo start/stop se non addirittura sull’airbag. Oltre a installazioni ex novo, infatti, mi è capitato di dover rimediare a interventi mal effettuati in precedenza da altri installatori. In ogni caso bisogna sempre fornire il certificato di collaudo che attesta che il lavoro sia funzionante».

E in caso di furto?

«Installando antifurti LoJack il recupero del veicolo avviene nella maggioranza dei casi in tempi brevissimi, prima che la vettura venga smontata o portata all’estero all’interno di un container. In caso di mancato ritrovamento, l’installatore non ha una responsabilità diretta sul furto ma quel che è certo è che in base a dove e come viene installato l’antifurto c’è più probabilità che l’auto venga ritrovata».

Lei opera anche sulle auto d’epoca?

«Abbiamo un prodotto dedicato e specifico per le auto d’epoca che è sempre autoalimentato. Per questo tipo di vetture offriamo inoltre un servizio a domicilio andando direttamente a casa del proprietario, anche per un discorso di tutela della privacy».

Come rispondere, invece, ai furti dei navigatori?

«A Milano sono soprattutto auto di alta gamma come Mercedes e Bmw dotate di navigatori incorporati a essere le più colpite. La prevenzione migliore consiste nell’installare un antifurto sonoro la cui funzione, soprattutto negli ultimi anni, è proprio quella di “proteggere” gli accessori e gli oggetti che teniamo nelle auto più che le vetture stesse. I furti di smartphone, navigatori e vari dispositivi bluetooth hanno infatti in pratica sostituito i furti di autoradio degli anni Ottanta e Novanta».

E riguardo alla clonazione del segnale radio?

«Per “hackerare e “duplicare” una chiave elettronica bastano un “transponder decodificatore”, un’antenna, una chiave universale ed essere abbastanza vicino a chi sta chiudendo l’auto per decodificare la frequenza radio con cui la centralina dell’auto e la chiave comunicano, sia al momento dell’apertura o chiusura delle porte che a quello dell’accensione. Il problema è risolvibile inserendo le chiavi in custodie specifiche, commercializzate anche da LoJack con il nome di KeyJack, che “proteggono” le chiavi e impediscono che il segnale venga clonato».

E riguardo alle «cimici» in auto?

«I dispositivi di localizzazione satellitare sono prodotti sempre più diffusi che tramite l’ausilio di satelliti e del sistema Gsm sono in grado di individuare la posizione esatta di un veicolo, giorno e notte. Questi sistemi di monitoraggio Gps possono memorizzare la posizione di un veicolo ogni secondo, raccogliendo informazioni sulla velocità, il periodo di passaggio, e anche l’indirizzo esatto in tempo reale. Possono essere più piccoli di un mazzo di carte da gioco e devono essere installati a regola d’arte e nelle posizioni più consone».

Installazioni a regola d’arte anche per i sensori parcheggio?
«
Certamente, anche perché è un servizio sempre più richiesto su auto non dotate di sensori di serie. L’importante è però rivolgersi ai giusti canali aftermarket e affidarsi ad un installatore professionale in grado di configurare i sensori a filo del paraurti. Il mio consiglio è quello di evitare il “fai da te”: oltre al rischio di rovinare la carrozzeria del veicolo, infatti, i sensori di parcheggio posizionati in modo maldestro e non configurati perfettamente possono funzionare male e creare quindi falsi allarmi nelle manovre di parcheggio».

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche Grimaldi Antifurti Satellitari, sicurezza e tecnologia salgono a bordo

Leggi l’approfondimento Ansa Da Grimaldi un sistema di recupero «smart» e senza fili

Visita il Sito Antifurto Satellitare Grimaldi Milano

Post Correlati

Articoli recenti

Loreto Andriani: risparmio energetico con gestione integrata di tutte le utenze. Oggi è possibile con un sistema di ingegneria “sartoriale”

Andriani ha creato la società Home Solar srl che si occupa proprio della progettazione di interventi su misura per abitazioni...

Giuseppe Barile (Progedil), Per vendere gli immobili bisogna saper ascoltare chi li abiterà

“Saper ascoltare il cliente” è importante per vendere un immobile bene e con successo: un input utile a chi vuol...

Maurizio Umana (Uemme), Meglio l’acquisto diretto o l’intermediazione immobiliare?

Vendere casa tramite l'acquisto diretto di un'agenzia assicura tempi brevi ma, di contro, potrebbe far incorrere in oscillazioni di prezzo...

Carlo Livraghi, The Sense: «Prodotti naturali per capelli forti e sani. Così si ottiene il look perfetto»

«L'aspetto estetico è importante ma con la salute dei capelli non si scherza»: parola di Carlo Livraghi, titolare e fondatore...

Massimo Lazzeri: “Il mercato delle auto si trova davanti a una svolta epocale, ma vince ancora chi sa gestire al meglio il rapporto con i clienti”.

Il mercato delle auto sta cambiando velocemente, questi sono anni di transizione in cui si stanno affermando nuovi tipi di...