Dott.ssa Isabella Lamperini: «Igiene orale e prevenzione sono i cardini della cura dentale»

Anche per i bambini è bene sottoporsi a controlli annuali per vincere la paura del dentista. «Le nuove tecnologie permettono interventi sempre meno invasivi, ma bisogna agire in tempo» – Intervista alla Dott.ssa Isabella Lamperini, medico chirurgo dentista, interessata alla gnatologia e all’ortodonzia

Dott.ssa Lamperini, lei ha tre ambulatori in Umbria (a Terni, Bastardo e Massa Martana) e lavora anche il sabato. La cosa che più colpisce è vedere pazienti che arrivano da fuori regione e allora la domanda viene da sé: quanto conta il rapporto di fiducia medico/paziente in questo settore?

«È fondamentale, è il cuore del lavoro. Riuscire a seguire direttamente il paziente evita confusione, riduce gli sprechi di tempo e permette di instaurare un rapporto proficuo, lo stesso che manca nei grandi studi, dove si viene visitati da figure sempre diverse. Un altro aspetto nevralgico per il medico è riuscire a seguire anche le persone disabili con visite a domicilio, saper consigliare bambini e adolescenti: questa è una professione meravigliosa se fatta con il giusto spirito».

Eppure molte persone rimandano le visite perché hanno paura di spendere troppo…

«Le capisco perché veniamo da anni in cui qualcuno ha approfittato della gente e non ha fatto una bella pubblicità alla categoria. Ecco perché è importante avere un listino chiaro, facilmente accessibile dal sito internet per evitare brutte sorprese. Un’altra accortezza da adottare nei confronti dei pazienti è venire incontro alle loro esigenze, permettendo di rateizzare i pagamenti più corposi».

Gli studi “Isabella Lamperini” hanno prezzi contenuti, ma c’è chi per risparmiare al massimo si sottopone a cure negli studi dell’Europa dell’Est. Che opinione ha del cosiddetto “turismo dentale”?

«È un fenomeno purtroppo in crescita, da condannare per due motivi. Il primo è il rischio di finire nell’ambulatorio di qualche improvvisato che opera senza autorizzazione, con materiali di seconda scelta e in condizioni igieniche precarie. Il secondo è meno evidente ma più subdolo. Poniamo di trovare un dentista che faccia risparmiare qualcosa e che esegua per bene l’intervento: tuttavia è chiaro che si rimarrà senza assistenza futura. Che facciamo, prendiamo l’aereo ogni volta?».

Quindi qual è il suo consiglio?

«Trovare un professionista serio che possa seguire il paziente in prima persona e con continuità. Sono da evitare gli studi formati da soli odontotecnici che non si avvalgono della figura del medico. È quest’ultimo infatti a lavorare direttamente sulle mucose, mentre il tecnico si occupa soltanto del gesso e dei calchi. Il medico deve sempre supervisionare i lavori degli assistenti ed essere pronto a fornire assistenza in ogni momento».

Per quanto riguarda i bambini?

«È importante portarli per una prima visita già all’età di 3/4 anni. Serve per stabilire un primo approccio e vincere la paura del dentista che troppo spesso è visto come un “mostro” proprio per un’errata percezione. Le visite, che vanno ripetute con cadenza annuale, permettono di intercettare un eventuale problema in fase embrionale e di intervenire tempestivamente».

Per i più grandi?

«Il principio della tempestività vale per tutti: prima intervengo, prima riuscirò a risolvere un problema e in modo meno invasivo. Poi ci sono delle categorie specifiche, ad esempio i fumatori dovrebbero sottoporsi ad una ablazione del tartaro ogni sei mesi. Ora le persone sono mediamente più informate di qualche tempo fa e quasi tutti seguono i principi base di una corretta igiene dentale».

Qual è il principale?

«Lavarsi i denti tre volte al giorno con uno spazzolino di media durezza. Eseguire ablazioni corrette permette di prevenire le patologie collegate al tartaro. Lo spazzolino manuale è da preferire a quello elettrico, perché non irrita le gengive».

Passiamo dai consigli base ad un campo di studio specifico: che cos’è la gnatologia e perché è importante?

«È la branca dell’odontoiatria che studia e cura, sotto tutti gli aspetti anatomico-funzionali, l’apparato masticatorio, perché esiste una stretta relazione – molto più di quanto generalmente si pensi – tra le arcate dentali, i muscoli mandibolari e le ossa del cranio. Si occupa di ripristinare il corretto equilibrio tra questi distretti risolvendo i sintomi».

Quali possono essere?

«I più disparati. Penso ai problemi riguardanti l’Articolazione Temporo – Mandibolare (patologie Atm, ndr), dei quali spesso si sa poco e si sospetta possano nascere da altro. Ma anche dolori al viso ed al collo, mal di testa, bruxismo, vertigini o senso di instabilità, mal di schiena: a volte molti dolori sono collegati ad un malfunzionamento della bocca, che non va mai sottovalutato».

Certo che se si hanno dubbi è bene farsi vedere dallo gnatologo: la soluzione potrebbe essere davvero a portata di mano. A proposito di soluzioni: dove va il futuro della professione?

«Verso la digitalizzazione e l’uso di tecnologie sofisticate. È il caso della Cad Cam dentale che sostituisce la canonica impronta presa dal tecnico: attraverso una videocamera, viene immortalata la struttura del dente, senza utilizzare materiali per il calco. Questo permette di vedere il modello del dente e della futura corona sullo schermo del computer, e di spedire il file digitale direttamente al laboratorio».

Il tutto è un valore aggiunto nell’esercizio della professione?

«Certo, con una precisazione: la tecnologia è un semplice ausilio nel nostro lavoro, ma poi serve l’esperienza, l’occhio clinico, l’attenzione e la cura dei dettagli. Qualità umane che non devono passare di moda».

 

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche Dott.ssa Isabella Lamperini, tre studi dentistici per un unico obiettivo: il tuo sorriso!

Leggi l’approfondimento Ansa Dott.ssa Isabella Lamperini, la specialista del sorriso

Visita il sito di Isabella Lamperini

Post Correlati

Articoli recenti

Luca Priante: «Il valore aggiunto di uno studio legale è la consulenza»

L'esperto avvocato di Terni ci racconta una professione in forte evoluzione: prima il cliente cercava l'avvocato, ora si deve mettere...

Miriam Carboni, consulente del lavoro di Oristano: “La pianificazione previdenziale è di primario interesse sia per l’imprenditore che per i lavoratori”

Il ruolo del consulente del lavoro, ha avuto un notevole evoluzione nel corso degli anni, e ha sempre più importanza...

Barbara Perra: “Il mondo tributario è in costante cambiamento, il tributarista accompagna il cliente nelle decisioni come un GPS satellitare”

Una materia frenetica quella delle imposte. Tra normative che subiscono modifiche repentine e le aziende che spesso si trovano spaesate,...

Veronica Serra, titolare del centro estetico Oasi della Bellezza di Quartu Sant’Elena: “Il giusto equilibrio tra esteriore e interiore migliora la qualità della vita”

Cura delle unghie, tecniche anticellulite, mantenimento della pelle ed epilazione laser: sono temi che Veronica Serra gestisce giornalmente presso il...

Carla Perino, direttrice del Centro Specialist di Mogoro, in provincia di Oristano: “La conoscenza del paziente è una garanzia di successo”

La responsabile del centro di cura odontoiatrico ha basato la filosofia di gestione della struttura sulla centralità del paziente, con...