Dr. Giuseppe Garrubba dentista a Firenze: “a rivoluzionare l’odontoiatria è stata soprattutto la moderna implantologia”.

Siamo stati ospiti del Dr. Giuseppe Garrubba, nel suo studio in via Lungo l’Affrico a Firenze. Il dottore ci ha spiegato che, con l’implantologia a carico immediato, oggi si riesce a dare al paziente una soluzione immediata, funzionale ed estetica.

Dr. Garrubba, ci spiega come le nuove tecnologie hanno rivoluzionato l’odontoiatria?

“Oggi è possibile fare cose che fino a poco tempo fa non erano neanche immaginabili. In 24 ore, i dentisti che sono in grado di realizzare l’implantologia guidata a carico immediato, daranno al paziente denti in tutto e per tutto simili ai naturali, stesso ingombro, stabilità, estetica e funzionalità. Una vera meraviglia”.

Cos’è l’implantologia a carico immediato?

“Implantologia richiama già in sé la parola “impianto”, ovvero quanto di più vicino al dente naturale. Un termine che contiene anche un senso di resistenza, solidità e sicurezza. E’ la tecnica che permette la riabilitazione immediata, funzionale ed estetica, della masticazione del paziente”.

Qual è la differenza tra implantologia a carico immediato e implantologia tradizionale?

“La differenza principale riguarda il tempo. L’implantologia tradizionale prevede una fase di guarigione dopo l’inserimento dell’impianto. In questa fase può essere applicata una protesi temporanea rimovibile. La protesi definitiva sarà installata solo a guarigione avvenuta”.

E l’implantologia guidata a carico immediato?

“E’ la più moderna e precisa, la si può eseguire solo se dotati di tecnologie altamente avanzate. Personalmente la realizzo facendo la panoramica e tac, con radiografico digitale di ultima generazione, su di essa progetto dove mettere gli impianti, tenendo conto sia dell’osso che della posizione ideale dei denti che monto virtualmente nell’immagine al computer, in modo da avere un vero e proprio progetto della posizione dell’impianto che tenga conto degli spessori dell’osso e della posizione dei denti. Invio poi il file con questi dati ad una stampante, di materiale resinoso, tridimensionale per realizzare una dima (struttura in resina che circoscrive gli spazi dei denti) dove faremo dei fori che ci guideranno nel posizionamento dell’impianto lì dove avevamo progettato di inserirlo.

Non tutti i dentisti eseguono l’implantologia guidata a carico immediato. Perché?

“Perché per eseguirla  è richiesto uno staff specifico, altamente qualificato e uno studio dotato di particolari tecnologie. Non tutti gli studi dentistici hanno questi requisiti, perché alcune strumentazioni sono molto costose e i continui aggiornamenti sono impegnativi”.

E se l’osso risultasse assottigliato e non sufficiente per potervi inserire un impianto?

“Ci sono novità anche per chi non ha osso sufficiente per fare l’implantologia. In questi casi ci viene in aiuto la rigenerazione ossea che stimola il riformarsi di nuovo osso”.

Come avviene questa tecnica?

“L’osso viene stimolato alla rigenerazione, con osso autologo del paziente, con un materiale sostitutivo dell’osso o con una miscela dei due. Il materiale per la rigenerazione viene applicato a diretto contatto con l’osso per allargarlo o per alzarlo e viene gradualmente trasformato dall’organismo in sostanza ossea forte”.

E i tempi della rigenerazione ossea quali sono?

“L’intervento per la rigenerazione ossea è spesso eseguito contemporaneamente al posizionamento degli impianti, ma può essere anche realizzato con un intervento ambulatoriale da fare almeno quattro mesi prima”.

Quali sono le altre novità in odontoiatria?

“Attrezzature che eliminano i disagi per il paziente e velocizzano le procedure come la telecamera per la rilevazione dell’impronta, la sedazione cosciente, il laser odontoiatrico e tanto altro. E’ possibile rilevare un’impronta tridimensionale con il passaggio di una telecamera intraorale.  La sedazione cosciente ed il laser sono un valido aiuto per chi ha paura del dentista…”

Ci parli meglio della sedazione cosciente…

“La sedazione cosciente con ossigeno e protossido d’azoto è una tecnica di analgesia sedativa che trova la sua applicazione ideale nell’odontoiatria pediatrica e per chi ha paura del dentista. Questa metodica viene utilizzata da anni nella maggior parte degli studi odontoiatrici degli Stati Uniti e del Canada. Da pochi anni ha iniziato a diffondersi anche in Italia. Il protossido di azoto per la sedazione cosciente è un gas che fa tranquillizzare il paziente e gli toglie la paura del dentista. Chiaramente è completamente innocua, pensi che si usa anche per i bambini”.

 Cosa deve prendere in considerazione il paziente per scegliere un dentista?

“Dovrebbe scegliere lo studio dentistico capace di garantire cure dentali di alta qualità a prezzi corretti, ed un forte sostegno prima, durante e dopo le cure per tutti i pazienti con ansia e paura del dentista. Professionalità, conoscenza, attrezzature tecnologiche, consiglio anche di considerare l’igiene scrupolosa dell’ambiente”.

Cosa si sentirebbe di consigliare a chi ha bisogno di cure odontoiatriche e si affida ai franchising?

“La distinzione principale tra uno studio tradizionale e uno in franchising sicuramente è il rapporto medico paziente. Negli studi si fa riferimento al professionista con un rapporto consolidato nel tempo, si ha il dentista di famiglia; mentre spesso negli studi in franchising si rischia di essere un numero, di finire dalle mani di un professionista e la volta dopo in quelle di un altro…”.

Ma come si fa a spendere meno soldi dal dentista?

“ Scegliendo un dentista che pur dando un’ottima qualità si accontenta di un giusto compenso. Facendo un’ottima prevenzione con visite e controlli regolari. E’ essenziale un’ottima igiene orale a casa. Fare un controllo ogni 6 mesi dal dentista. Una visita completa, una pulizia dentale e una panoramica annuale per esempio sono consigliati per la salute della bocca”.

SCOPRI DI PIÙ

Leggi l’approfondimento Ansa  Dr. Giuseppe Garrubba Firenze: “con l’implantologia soluzioni immediate e performanti per il paziente”

Visita il Sito Dott. Giuseppe Garrubba 

 

 

 

 

Post Correlati

Articoli recenti

Cure domiciliari, Romina Zanotti di Itineris: «Una rete di servizi in sinergia con il medico e il caregiver»

In Italia l’alternativa al ricovero ospedaliero o alla Rsa si chiama assistenza domiciliare integrata, un servizio dai risvolti sociali che...

Paradiso Group, automotive: saper leggere il mercato per capire le esigenze dei clienti

L’imprenditore Fernando Paradiso evidenzia caratteristiche e novità del settore. Automotive, un settore che unisce tradizione e innovazione tecnologica, utilizzando anche...

Adriano Gall: «Il primo passo per raggiungere gli obiettivi? Conoscere la giusta strategia!»

Affrontare i cambiamenti del mercato è la vera sfida delle imprese contemporanee: «L'analisi dei problemi e delle possibili soluzioni è...

Ferramenta Marconi Group, Per la sicurezza delle nostre case occorre la chiave giusta

Un ingegnere prestato alla vendita di ferramenta tecnica sin da giovane, che nel tempo si è specializzato in duplicazioni di...

Giovanni Grillo della Grillo Antonino Traslochi: «Esperienza e professionalità per battere la concorrenza sleale nel settore»

Come in tutti i settori anche quello dei traslochi deve fare i conti con la concorrenza sleale di imprese che...