Elena Caccamo dell’Hotel Desenzano: «Anche un albergo di lusso può diventare una “seconda casa”»

Se oggi la reputazione di un hotel si costruisce soprattutto sul web, è la presa diretta del soggiorno a renderlo una «seconda casa» per il turista. «Che sia per un congresso di lavoro o una vacanza di relax, ospitalità significa capire le esigenze e le aspettative del turista, curare la gestione dell’accoglienza ed essere sempre pronti al cambiamento investendo nella struttura e in nuovi servizi». Parola di Elena Caccamo, titolare insieme al fratello Giuseppe, al papà Sebastiano e alla mamma Gigliola dell’Hotel Desenzano a 4 stelle di Desenzano sul Garda, in provincia di Brescia.

Che tipo di hotel siete e a quale clientela vi rivolgete?

«Ci rivolgiamo soprattutto a una clientela congressuale. Trent’anni fa, quando abbiamo desciso di intraprendere l’attività alberghiera, il mercato richiedeva questo tipo di approccio e l’abbiamo sviluppato al meglio con sale congressi di nuova tecnologia per ospitare convegni e meeting aziendali. Negli anni poi abbiamo esteso l’offerta al turista che viene sul lago di Garda per fare sport o anche solo per relax e ai soggiorni di gruppo, soprattutto per turisti inglesi»

Perché si parla sempre più spesso della necessità di riqualificare il settore alberghiero?

«Riqualificare vuol dire dare nuova qualità a una struttura e a un’attività ricettiva affinché possa competere. Il problema non è strutturale e non riguarda solo l’edificio di un hotel: si tratta di rinnovare completamente l’offerta per l’ospite che quando compra un soggiorno, per vacanza, lavoro o altri motivi, vuole comprare un’emozione, un’esperienza diversa dal quotidiano, vuole sperimentare l’accoglienza espressa ai massimi termini, vuole sentirsi unico e desiderato. L’ambiente contribuisce fortemente a creare l’emozionalità di un soggiorno, in termini di immagine e di funzionalità».

Gli investimenti strutturali sono sempre il punto di partenza…

«Bisogna essere sempre in costante miglioramento per garantire al turista, soprattutto quello affezionato e che torna spesso, nuovi servizi e comfort diversi. Noi, ad esempio, in 10 anni abbiamo ingrandito la piscina, la sala colazioni, rinnovato tutte le camere e nei prossimi mesi realizzeremo ai piani superiori un’area relax con vasche idromassaggio e vista lago».

E la location?

«La posizione di un albergo è importante anche da un punto di vista logistico: nel nostro caso siamo molto vicini alla stazione ferroviaria e questo rappresenta un valore aggiunto. A volte, infatti, una posizione defilata può diventare un plus per il turista che cerca la tranquillità».

Nell’accoglienza alberghiera contano di più le conoscenze specifiche o l’aspetto umano?

«L’aspetto umano è un qualcosa di assolutamente irrinunciabile dal mio punto di vista perché molto spesso i clienti che arrivano da altri Paesi si aspettano di poter corrispondere, interagire, creare una sorta di amicizia con il personale che andranno poi ad incontrare e le conoscenze specifiche contribuiscono a rendere il soggiorno quanto più piacevole e interessante. Il cliente che si sente ascoltato e riceve una prima risposta nel giro di poche ore, ha la curiosità e lo stimolo di procedere per capire quanto quella struttura e le persone che andrà ad incontrare corrispondano alle sue aspettative».

La gestione famigliare è dunque un valore aggiunto?

«Per creare questo tipo di fidelizzazione si. Nel nostro hotel ogni aspetto è tenuto sotto controllo da ogni membro della famiglia con la facilità di gestire eventuali problematiche».

Il territorio è sempre un valore aggiunto?

«Certamente ma la capacità del bravo albergatore è quella di saper coinvolgere il cliente e capire il tipo di esigenze e il modello di vacanza che vuole vivere, offrendo anche servizi specifici».

 Qualche esempio?

«Dal 2015 siamo Bike Hotel della Provincia di Brescia dedicato a una clientela sportiva e a tutti i cicloturisti. Una parte del nostro garage è infatti adibito a officina con noleggio biciclette e disponiamo dell’attrezzatura necessaria per la manutenzione, con uno spazio attrezzato per la pulizia, lo sgrassaggio e l’ingrassaggio della bicicletta. Offriamo anche servizi di noleggio e siamo a disposizione per consigliare itinerari di cicloturismo di diversi livelli di difficoltà».

 La ricettività alberghiera sta cambiando sul territorio?

«È cambiata la durata della permanenza e da qualche anno stiamo assistendo a un turismo mordi e fuggi di 2-3 notti al massimo. In quest’ottica bisogna investire sulla fidelizzazione del cliente cercando di assisterlo in ogni sua esigenza»

Fare rete può aiutare a valorizzare l’offerta sul territorio?

«La cultura dell’ospitalità è nel dna italiano e forse siamo i più bravi al mondo a fare accoglienza, relazionarci con gli altri, farci apprezzare. Tutto questo però oggi non basta più: c’è la necessità di diventare sistema turistico coinvolgendo tutti gli altri soggetti interessati e le infrastrutture cittadine giocano in questo una parte fondamentale».

 

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche Hotel Desenzano, dal manager al cicloturista l’accoglienza è di casa

Leggi l’approfondimento Ansa Hotel Desenzano, sul lago di Garda tra affari e relax

Visita il sito Hotel Desenzano

Post Correlati

Articoli recenti

Loreto Andriani: risparmio energetico con gestione integrata di tutte le utenze. Oggi è possibile con un sistema di ingegneria “sartoriale”

Andriani ha creato la società Home Solar srl che si occupa proprio della progettazione di interventi su misura per abitazioni...

Giuseppe Barile (Progedil), Per vendere gli immobili bisogna saper ascoltare chi li abiterà

“Saper ascoltare il cliente” è importante per vendere un immobile bene e con successo: un input utile a chi vuol...

Maurizio Umana (Uemme), Meglio l’acquisto diretto o l’intermediazione immobiliare?

Vendere casa tramite l'acquisto diretto di un'agenzia assicura tempi brevi ma, di contro, potrebbe far incorrere in oscillazioni di prezzo...

Carlo Livraghi, The Sense: «Prodotti naturali per capelli forti e sani. Così si ottiene il look perfetto»

«L'aspetto estetico è importante ma con la salute dei capelli non si scherza»: parola di Carlo Livraghi, titolare e fondatore...

Massimo Lazzeri: “Il mercato delle auto si trova davanti a una svolta epocale, ma vince ancora chi sa gestire al meglio il rapporto con i clienti”.

Il mercato delle auto sta cambiando velocemente, questi sono anni di transizione in cui si stanno affermando nuovi tipi di...