Gerardo Delli Bovi, DBG Service: «La sanificazione all’ozono come valore aggiunto in ogni lavaggio»

«Lavare non basta: oggi occorre anche ridurre la carica batterica tramite un processo di sanificazione all’ozono»: parola di Gerardo Delli Bovi, fondatore e titolare di DBG Service, laboratorio specializzato in manutenzione tessile e trattamento accessori di Sedriano, alle porte di Milano, al servizio di lavanderie, tintorie, ma anche privati, aziende della moda e negozi di abbigliamento. Delli Bovi è stato tra i primi imprenditori nel settore del lavaggio e finitura di capi d’abbigliamento, complementi d’arredamento e accessori in pelle o tessuto, a unire la qualità e la professionalità del servizio con lo spirito d’innovazione. Il risultato sono investimenti continui in solventi ecocompatibili e in macchinari all’avanguardia, tra cui quello brevettato per il lavaggio di borse e scarpe, fino al trattamento di sanificazione ad ozono, sistema che presenta diversi vantaggi e che ha portato la DBG Service a diventare sempre più competitiva sul mercato.

Perché l’ozono ad ogni lavaggio?

«Perché è il più forte ossidante esistente in natura che garantisce la riduzione della carica batterica del 99%. Lo stesso ministero della Salute lo ha riconosciuto come “Presidio naturale per la sterilizzazione d’ambienti”. La sanificazione all’ozono è il primo e unico sistema battericida e virucida che permette la sicurezza microbiologica di capi di abbigliamento, comprese borse e scarpe, ma anche materassi, tappeti, piumoni. Tutto senza paura di rovinare tessuti e materiali»

Quali sono i benefici?

«Per prima cosa l’ozono garantisce alti livelli di disinfezione, soprattutto su batteri a forte resistenza. Inoltre, l’acqua ozonata rimuove gli odori e aumenta la potenza ossidante, e dunque sbiancante, dei detergenti. Lavare con l’ozono è anche un modo per “allungare” la vita alla biancheria perché utilizza acqua più fredda e meno detergenti e non rilascia nessun residuo chimico nella biancheria e, quindi, meno irritazioni della pelle».

Come avviene il lavaggio?

«Utilizziamo acqua addolcita e saponi neutri: l’utilizzo dell’ozono permette di lavare a temperature basse e ottenere un pulito senza maltrattare e deteriorare le fibre. In più il sistema è anallergico ed ecologico: la migliore qualità dell’acqua di scarico immessa nel sistema fognario contribuisce infatti ad un consumo sostenibile».

Lei è stato tra i primi a trovare una soluzione al lavaggio di borse e scarpe

«Da sempre borse e scarpe sono accessori difficili da lavare perché realizzati con materiali diversi. Le borse sono ancora più complesse perché hanno bottoni, borchie, fibbie, mix di pelle e tessuto e quindi per alcune borse era impossibile lavarle sia ad acqua che a secco senza danneggiarle. Qualche anno fa abbiamo quindi deciso di differenziarci sul mercato specializzandoci proprio nel lavaggio di questi accessori. Siamo stati tra i primi laboratori ad aver sviluppato un sistema di lavaggio specifico brevettando una macchina per il lavaggio di borse e scarpe che abbiamo presentato alla fiera Expodetergo 2014».

Cosa è il Wet Cleaning?

«È l’alternativa ad acqua del lavaggio a secco. Insieme a detergenti biodegradabili specifici e ad una macchina di ultima generazione in grado di controllare l’azione meccanica, questo lavaggio è adatto anche per le fibre più complesse. Utilizzando questa metodologia di detergenza, anche i capi in cashmere, in seta e i piumoni in lana possono essere lavati con tutta la delicatezza dell’acqua e l’efficacia dei detergenti di ultima generazione».

Perché usa solventi alternativi per il lavaggio a secco?      

Gli idrocarburi sono una valida alternativa ai comuni solventi alogenati clorurati usati per il lavaggio a secco. Gli idrocarburi sono meno aggressivi e permettono di lavare capi più delicati e con inserti in plastica, ottenendo ottimi risultati sulle macchie, rendendo i tessuti perfettamente puliti e garantendo una maggior conservazione del tessuto nel tempo proteggendolo dalla deformazione. Infine, hanno una buona compatibilità ambientale che, di conseguenza, vuol dire meno rifiuti da smaltire e quindi anche meno costi aziendali».

Il suo è un approccio artigianale o industriale?

«Siamo una realtà che tratta circa 1.500 capi al giorno e che ha scelto di posizionarsi sul mercato nel segno della qualità, della professionalità e del servizio su misura. Per questo siamo sempre attenti a innovare i nostri macchinari e a ricercare solventi alternativi ed ecocompatibili che ci consentono di garantire lavaggi a regola d’arte. Nel comparto industriale l’unità di misura è la quantità, mentre per un laboratorio artigianale come il nostro possiamo lavare anche pochi pezzi e abbiamo orientato il business sul trattamento e la finitura di capi particolari, come borse e scarpe, pelle, rivestimenti di divani, tendaggi, tappeti».

E riguardo al «bianco?     

«Facciamo entrambi i tipi di lavaggio: ad acqua e a secco. La sintesi dei due metodi consente infatti di stressare il meno possibile biancheria e tovagliato. Ovviamente anche la sterilizzazione viene effettuata in tutti i nostri lavaggi  e l’utilizzo dell’ozono garantisce la sanificazione e un’alta qualità del pulito ai massimi livelli. Tutto questo insieme al controllo giornaliero di tutti i parametri tecnici e di qualità effettuato dal nostro personale qualificato».

L’etichetta è sempre indispensabile?  

«La bravura di chi lavora in questo settore consiste proprio nel riconoscere il capo e il tipo di lavaggio a prescindere dall’etichetta. In quest’ottica, offriamo un servizio ai confezionisti dei brand della moda e agli stilisti che si appoggiano a noi per testare il lavaggio dei loro ultimi modelli: offriamo consulenza per il tipo di lavaggio più indicato e quindi il grado di restrizione, rientro e decolorazione, ma anche il numero di lavaggi che un capo può subire: tutti test necessari per creare l’etichetta giusta».

 

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche  DBG Service, quando il lavaggio è a regola d’arte. Anche per borse, scarpe e accessori

Leggi l’approfondimento Ansa  Gerardo Delli Bovi e la società M.T. s.r.l. aprono la loro lavanderia-tintoria a Milano

Visita il Sito DBG Service

Post Correlati

Articoli recenti

Loreto Andriani: risparmio energetico con gestione integrata di tutte le utenze. Oggi è possibile con un sistema di ingegneria “sartoriale”

Andriani ha creato la società Home Solar srl che si occupa proprio della progettazione di interventi su misura per abitazioni...

Giuseppe Barile (Progedil), Per vendere gli immobili bisogna saper ascoltare chi li abiterà

“Saper ascoltare il cliente” è importante per vendere un immobile bene e con successo: un input utile a chi vuol...

Maurizio Umana (Uemme), Meglio l’acquisto diretto o l’intermediazione immobiliare?

Vendere casa tramite l'acquisto diretto di un'agenzia assicura tempi brevi ma, di contro, potrebbe far incorrere in oscillazioni di prezzo...

Carlo Livraghi, The Sense: «Prodotti naturali per capelli forti e sani. Così si ottiene il look perfetto»

«L'aspetto estetico è importante ma con la salute dei capelli non si scherza»: parola di Carlo Livraghi, titolare e fondatore...

Massimo Lazzeri: “Il mercato delle auto si trova davanti a una svolta epocale, ma vince ancora chi sa gestire al meglio il rapporto con i clienti”.

Il mercato delle auto sta cambiando velocemente, questi sono anni di transizione in cui si stanno affermando nuovi tipi di...