La buona reputazione genera valore economico per l’azienda

La reputazione? Un ammasso informe di idee, credenze, “sentito dire”, informazioni più o meno vere, che si incrociano tra loro, si contraddicono, confermano e smentiscono in continuazione, fino a quando quelle più “forti” e “rilevanti” si sedimentano nel tempo e si rafforzano creando un quadro di “senso” complessivo, per quanto approssimativo e in perenne mutamento.

APPROFONDISCI

Post Correlati

Articoli recenti

Rosanna Palmiotto: «In caso di bruciori e dolori attenzione al pavimento pelvico»

La ginecologa di Udine che “ripara” il muscolo per curare incontinenza, vaginismo, difficoltà durante o dopo i rapporti sessuali Nel...

Sergio Zanin: «Materiali top e consulenza, così nasce un serramento su misura»

Il titolare di Futura Serramenti, azienda trevigiana con una vasta esperienza nella lavorazione del Pvc per serramenti (infissi, finestre, portoncini...

Gaetano Troia: Quando esperienza e passione creano un leader nel settore delle concessioni cimiteriali

Rem s.r.l: Operare in Project financing è un valore aggiunto per l’azienda. Quando nel 1998 fonda la sua prima azienda...

Alberto Grisendi di Speedy Block Grisendi: «La tutela del marchio è il motore dell’innovazione»

Il miglior modo per proteggere un’idea imprenditoriale e aumentare il valore dell’innovazione? Tutelandosi con un portafoglio di diritti di proprietà...

Gerardo Delli Bovi, DBG Service: «La sanificazione all’ozono come valore aggiunto in ogni lavaggio»

«Lavare non basta: oggi occorre anche ridurre la carica batterica tramite un processo di sanificazione all’ozono»: parola di Gerardo Delli...