Lorenzo Albergati, Onoranze Funebri San Vittore: «Nella gestione di un funerale è sempre l’esperienza a far la differenza»

Dal 1975 la Onoranze Funebri San Vittore a Bottanuco, in provincia di Bergamo, è sinonimo di servizi completi, efficienti, discreti e altamente professionali. Con uno staff di 11 collaboratori e tre carri funebri, l’impresa guidata da Lorenzo Albergati e Cesare Pansa, insieme ai figli Matteo e Daniele, fornisce tutto il supporto umano e tecnico per l’organizzazione del rito funerario e per quel che concerne il disbrigo di ogni pratica burocratica e amministrativa.

 Che differenza c’è tra un’agenzia e un’impresa di onoranze funebri?

«Essere impresa è sinonimo di affidabilità perché non ci sono intermediari. Tutto è gestito internamente con una struttura alle spalle: abbiamo personale adeguatamente formato e mezzi propri che garantiscono un servizio curato in ogni dettaglio, dalla vestizione agli addobbi fino ai lavori cimiteriali. Oggi la gestione del rito funebre è alla portata di molte agenzie ma per fare un salto di qualità servono cura, sensibilità e sostegno nel rispetto verso il lutto e la sofferenza di chi sta davanti».

 Quale è l’aspetto più importante nel gestire un funerale?

«La vestizione della salma è sicuramente uno degli aspetti da non sottovalutare e rispetto e delicatezza sono i punti di partenza nella sua composizione: nei servizi di trucco, vestizione trattamenti di pulizia e tanatoestetica va curato, infatti, ogni dettaglio per preparare degnamente il defunto a ricevere l’ultimo saluto. L’importante è affidarsi a imprese dove il personale, formato e altamente qualificato, con grande sensibilità e in accordo con i familiari è in grado di donare un aspetto sereno a tutti i defunti, anche a coloro che portano in volto le sofferenze dovute ad una lunga malattia».

È cambiato oggi il rito funebre?

«Negli ultimi anni sempre più persone scelgono la cremazione e, su circa 180 funerali che gestiamo all’anno, circa il 40% sono cremazioni che devono avvenire nel pieno rispetto delle regoli vigenti nella Regione Lombardia che ha stabilito una normativa sulla custodia e la dispersione delle ceneri. Oltre ad avere un importante significato, scegliere di farsi cremare ha dei vantaggi di ordine pratico: riporre le ceneri del caro estinto nelle urne cinerarie riduce infatti gli spazi cimiteriali e anche i disagi provocati, negli ultimi anni, dai tempi di attesa a volte molto lunghi per il seppellimento».

E riguardo alla diffusione dei funerali low cost o all inclusive?    

«Dietro le offerte low cost si nascondono spesso sorprese poco gradite e molti cittadini si trovano poi a pagare a parte consulenze fiscali, rifiniture di tombe e loculi, servizi aggiuntivi e indispensabili. Il nostro servizio, invece, è curato in ogni dettaglio: dalla scelta del carro agli abiti del personale, dalla consulenza fiscale al disbrigo delle pratiche. Abbiamo la possibilità di seguire i famigliari dalla scelta dei fiori alla stampa delle fotografie e, soprattutto, non usiamo “prezzi esca” per conquistare il cliente».

 Massima trasparenza insomma…

Certamente. Anche noi abbiamo servizi più economici che escludono, ad esempio, la vestizione o il disbrigo della pratiche ma l’importante è lavorare sempre con professionalità, serietà, onestà e rispetto del cliente e del defunto. La clientela è sempre diversa, ha le sue esigenze, la sua storia da raccontarti e bisogna essere bravi nel renderla esente dallo svolgere qualsiasi incombenza».

Come fare a riconoscere se un’impresa è affidabile?

«Con la professionalità e il controllo di tutti gli aspetti del rito funebre, abbinati alla sensibilità in ogni dettaglio pre e post funerale. In altre parole è l’attenzione a ogni aspetto della cerimonia funebre: dal recupero della salma alla vestizione, dalla personalizzazione della lapide alla sepoltura del feretro. Il ventaglio di servizi deve comprendere anche il disbrigo di tutte le pratiche per sollevare la famiglia, già provata dall’evento luttuoso, da gravosi impegni burocratici. Noi siamo abituati al controllo di tutta la filiera, anche quella produttiva, e i nostri prodotti, a cominciare dai cofani rigorosamente “made in Italy” e realizzati con materiali di prima qualità, vengono scelti da noi».

Oggi la tendenza è quella di alleggerire il rito funebre?

«Molte famiglie optano per i colori chiari del cofano proprio per rendere il funerale meno lugubre e mantenere un ricordo emotivamente sereno. A questo segue l’allestimento del salottino: nelle camere ardenti sono richiesti paramenti chiari e ambienti luminosi integrati con la casa per rendere meno triste il momento dell’ultimo saluto».

E il rapporto umano?

«È alla base di tutto e garanzia di un lavoro svolto con qualità, umanità e serietà. Nel momento del lutto bisogna infatti calarsi nel doppio ruolo di professionisti e persone e porsi come una figura esterna ma allo stesso tempo “amica” su cui contare. È importante capire le esigenze dei familiari ma anche ascoltarli e confortarli».

Gli investimenti contano nel suo settore?      

«Impegno e passione sono alla base di ogni singola consulenza e determinano investimenti costanti per un continuo miglioramento dei servizi offerti: oltre alla recente ristrutturazione della sede e a una nuova e arricchita esposizione di cofani e articoli funebri, abbiamo da poco acquistato un nuovo autocarro e nuove strumentazioni. Bisogna, infatti, sapersi rinnovare, cercare nuovi accessori e nuove soluzioni per dare un servizio il più completo possibile: tutti dettagli che valorizzano e completano il momento del lutto».

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche  Onoranze Funebri San Vittore: un unico interlocutore per tanti servizi

Leggi l’approfondimento Ansa  Nuova sede per la Onoranze Funebri San Vittore

Visita il Sito Onoranze Funebri San Vittore

 

 

Post Correlati

Articoli recenti

Cure domiciliari, Romina Zanotti di Itineris: «Una rete di servizi in sinergia con il medico e il caregiver»

In Italia l’alternativa al ricovero ospedaliero o alla Rsa si chiama assistenza domiciliare integrata, un servizio dai risvolti sociali che...

Paradiso Group, automotive: saper leggere il mercato per capire le esigenze dei clienti

L’imprenditore Fernando Paradiso evidenzia caratteristiche e novità del settore. Automotive, un settore che unisce tradizione e innovazione tecnologica, utilizzando anche...

Adriano Gall: «Il primo passo per raggiungere gli obiettivi? Conoscere la giusta strategia!»

Affrontare i cambiamenti del mercato è la vera sfida delle imprese contemporanee: «L'analisi dei problemi e delle possibili soluzioni è...

Ferramenta Marconi Group, Per la sicurezza delle nostre case occorre la chiave giusta

Un ingegnere prestato alla vendita di ferramenta tecnica sin da giovane, che nel tempo si è specializzato in duplicazioni di...

Giovanni Grillo della Grillo Antonino Traslochi: «Esperienza e professionalità per battere la concorrenza sleale nel settore»

Come in tutti i settori anche quello dei traslochi deve fare i conti con la concorrenza sleale di imprese che...