Luigi Vicchiariello, Milano Service: “Quando si trasloca non bisogna mai guardare solo al prezzo”

Il titolare, insieme ai fratelli Enzo, Davide e Teresa, dell’azienda di Milano specializzata in traslochi in tutta Italia fa il punto sul rapporto qualità-prezzo, una variabile determinante ma non esclusiva quando si tratta di traslocare

Cominciamo dal servizio: perché ogni trasloco è diverso dagli altri?

«Perché i traslochi non sono standardizzati e ogni situazione richiede servizi su misura, specifici per il caso concreto. Pensiamo a una casa o a un ufficio dove mobili e oggetti necessitano di imballaggi diversi. Ovviamente bisogna evitare di fare tutto da soli oppure di farsi aiutare da amici e parenti senza alcuna esperienza. Insomma: no al fai da te, anche per questioni legate alle coperture assicurative in caso di sinistri. Affidarsi a una valida azienda significa invece garantirsi qualità ed efficienza, ovvero risparmiare concretamente».

A proposito di risparmio perché non bisogna mai guardare solo al prezzo?

«Perché prima di scegliere a chi affidare il trasloco e quindi i propri beni bisogna valutare la serietà dell’azienda. Il trasloco è una scelta oculata e il prezzo lo fa la professionalità. Ogni trasloco, come abbiamo detto, è diverso dall’altro e di conseguenza anche il prezzo finale cambia: dipende dai servizi che si rendono necessari e dalla distanza chilometrica fra l’immobile di partenza e quello di destinazione, ma anche dal tipo di oggetti che si desiderano trasportare, dall’utilizzo di alcune strumentazioni come le piattaforme elevatrici, oppure da ulteriori dettagli logistici».

Il primo contatto con il cliente fa sempre la differenza?

«Per molti l’ansia da trasloco è legata alle tempistiche e per questo è fondamentale essere rapidi ed efficienti. Le aziende con più esperienza sono solite effettuare un sopralluogo per valutare l’entità del servizio, della manodopera di cui avranno bisogno e delle tempistiche necessarie. Ogni trasloco, infatti, va seguito passo dopo passo a cominciare dal preventivo che noi forniamo immediatamente o nell’arco di 24 ore: ascoltare il cliente, comprendere le sue esigenze per plasmare il servizio più opportuno è il punto di partenza di ogni attività di trasloco che si rispetti».

Massima trasparenza fin da subito..

«Al giorno d’oggi, purtroppo, molti si millantano esperti in traslochi senza disporre della necessaria esperienza e strumentazione. Affidarsi ad aziende prive di competenza vuol dire fare i conti con eventuali disagi e il risparmio iniziale, in termini economici e di tempo, si risolve ben presto in uno specchietto per allodole. Diversamente, una realtà seria e affidabile garantisce un ventaglio di servizi efficaci: dalla professionalità nel montaggio e nel rimontaggio dei mobili all’assistenza ad ampio raggio, anche per quanto riguarda la richiesta dei permessi per l’occupazione del suolo, e la possibilità di depositare la merce all’interno di magazzini temporanei».

Esperienza e affidabilità fanno quindi la differenza?

«Sono la variabile più importante. Bisogna premettere che traslocatori non ci si improvvisa ma per fornire un servizio di qualità occorre tanta esperienza sul campo e l’esperienza la si matura nel tempo, a cominciare dalla gestione di personale interno, specializzato e qualificato che costituisce un fondamentale elemento di differenziazione sul mercato. A questo si aggiunge anche la capacità di gestire senza intoppi la parte burocratica, in particolare per i permessi per l’occupazione del suolo pubblico e per l’ingresso alle Zone a Traffico Limitato».

Che rischi ci sono a rivolgersi a un’impresa sbagliata?

«Non esiste una regola assoluta in merito alla scelta dell’azienda di traslochi ma una realtà qualificata si avvale di personale che ha acquisito la dovuta preparazione e utilizza macchinari di ultima generazione, oltre ad imballaggi di alta qualità. Quando si affidano i propri beni, spesso anche preziosi, a soggetti terzi questi vanno infatti trattati e gestiti con la dovuta cura. Inoltre, un’impresa non qualificata fornisce sempre coperture assicurative in caso di incidenti».

Anche nel mondo dei traslochi è importante investire in tecnologia?

«Certamente. Autoscale e automezzi vanno continuamente aggiornati sia per rispondere a esigenze tecniche e logistiche, sia per questioni ambientali. Il nostro parco mezzi è infatti tutto Euro 5 ed Euro 6 e possiamo operare fino a 42 metri di altezza»

Come garantire, infine, la sicurezza dei beni in deposito?

È fondamentale assecondare ogni esigenza del cliente e la sicurezza dei mobili in custodia è fondamentale. Noi, ad esempio, utilizziamo container in acciaio di varie dimensioni, gli stessi usati nelle spedizioni internazionali, custoditi all’interno di un capannone e videosorvegliati 24 ore su 24».

SCOPRI DI PIÙ

Visita il Sito Milano Service

Leggi anche Milano Service, da oltre 40 anni traslochi con il sorriso

Leggi l’approfondimento Ansa Milano Service investe nei traslochi ecologici

Post Correlati

Articoli recenti

Alfredo Casarelli: l’aggregazione tra agenti la chiave del successo nel moderno mercato delle case

Il broker a Roma della Remax Key House agenzia G30, spiega i vantaggi di un modello di business vincente e...

Antonio Calvi (Ikitchens Cucine): “Passa attraverso agenti immobiliari e costruttori lo sviluppo del settore arredamento”

Lo sviluppo del settore arredamento avviene sempre più di frequente attraverso una guerra al prezzo più basso, con l’unico obiettivo...

Britta Gelati: «Nel 2020 la riqualificazione edilizia va affrontata con una figura professionale di riferimento come l’architetto o l’ingegnere edile, in grado di seguire tutto l’intervento con competenza ed esperienza»

Nel settore dell’edilizia nel nord Italia si riscontra comunque una lieve crescita per quel che riguarda le nuove costruzioni, un...

Veronica Gulli, Onoranze Funebri San Francesco: “Nel momento del dolore scegliete chi mette il cuore e la professionalità per onorare il vostro caro”

La giovane titolare dell’impresa funebre di Collegno, in provincia di Torino, fornisce alcuni consigli per chi si trova ad organizzare...

Ornella Hugony, Communication Trend Italia: «Perché per tradurre non basta essere linguisti»

È opinione diffusa che per tradurre sia sufficiente conoscere a fondo una lingua straniera. O averne addirittura una conoscenza superficiale:...