Mario Barili di Mario Hair Art: “Il miglior parrucchiere? quello che consiglia il cliente sul taglio più adatto”

Look ed estetica, ma anche salute e benessere della persona. Sono questi i punti cardine sui quali si fonda un salone di acconciature professionale. Ne è convinto Mario Barili, titolare della “Mario Hair Art” di Arezzo e professionista di lungo corso nel campo del taglio e dell’acconciatura, nonché coiffeur di numerose celebrità. “Un bravo parrucchiere è colui che riesce a proporre al cliente un taglio che lo valorizzi, non assecondandone i capricci o le mode, ma seguendo una propria linea finalizzata alla massima valorizzazione della persona”.

Come si può valorizzare un volto, attraverso l’acconciatura?

“Bisogna anzitutto cercare di capire la persona che si ha davanti, già prima di farla accomodare alla postazione. Occorre darle ascolto, capirne le esigenze ed analizzare lo stato di salute del capello e della cute. Dopo di che si passa al taglio vero e proprio, che dovrebbe sempre essere eseguito tenendo conto della morfologia del volto. È inutile inseguire mode stravaganti, o look da copertina, se non si sposano bene con la persona che deve portarli. Un professionista serio sa dare i giusti consigli, non ascolta ed esegue in automatico”.

Una specie di consulente di bellezza quindi?

“Assolutamente sì. È essenziale proporre il servizio più adeguato alla persona che si ha davanti, per esaltarne la bellezza attraverso il taglio. Se ci si dimostra in grado di spiegare dettagliatamente cosa andremo a fare, il perché lo faremo, quali prodotti utilizzeremo ecc, il cliente sarà più propenso a fidarsi completamente e il risultato sarà garantito”.

Per fare tutto questo occorrerà anche una buona base di esperienza e di preparazione. Quanto è importante quindi la formazione?

“È fondamentale, ed è quello che caratterizza un bravo parrucchiere. Oggi purtroppo i giovani non hanno modo di fare una vera e propria formazione e questo incide negativamente sulla professione. Occorre ripartire dalla scuola di parrucchiere e poi proseguire, attraverso l’apprendistato”.

Quella del parrucchiere è una professione in continua evoluzione?

“Sempre. Così come accade per la moda, anche il parrucchiere non si ferma mai: deve  essere sempre aggiornato sui look, le novità e i migliori prodotti da utilizzare”.

Per quanto riguarda il prodotto, è importante quasi quanto il taglio?

“Direi anche di più. La scelta del prodotto giusto è fondamentale e deve essere orientata verso la qualità e la specificità, perché ogni cute ha le sue caratteristiche e saper utilizzare i prodotti giusti è il primo passo che un parrucchiere deve essere in grado di fare. Per questo ogni salone professionale deve sempre tenere linee diverse per la cute e per i capelli. Alcuni, invece, trascurano l’attenzione verso la cute, che deve essere messa al primo posto. Ci sono prodotti che possono irritare, altri che invece possono compromettere la salute del capello. Per questo è essenziale utilizzare solo prodotti di altissima qualità, in grado di veicolare le massime performance, senza nuocere al capello”.

Meglio scegliere quindi prodotti naturali?

“Di solito quelli naturali sono meno aggressivi e quindi c’è un minor rischio di danneggiare il capello o la cute. Tuttavia ci sono anche prodotti naturali di scarsa qualità, che non portano alcun valore aggiunto. Per questo è importante non farsi condizionare troppo dalla naturalità del prodotto, ma seguire sempre un elevato standard di qualità. Se un prodotto è di qualità, garantirà anche una perfetta salute della cute e del capello”.

Nella cura del capello, c’è qualche differenza tra donne e uomini?

“No, ma ci sono differenze tra capello e capello, che richiedono prodotti specifici: per capelli fini, secchi, grassi, lunghi, corti, ecc. Per questo è importante offrire un trattamento personalizzato e su misura, sulle reali esigenze della persona che siede sulla poltrona”.

E per quanto riguarda lo styling?

“Anche in questo caso, come detto prima, è importante utilizzare prodotti specifici, non aggressivi e che siano di qualità. Se si hanno dei dubbi, ci si può far consigliare dal proprio parrucchiere di fiducia, che è il professionista più indicato per aiutare a scegliere il prodotto più adatto”.

SCOPRI DI PIÙ

Visita il Sito Hair Hard Rock

Leggi anche: Mario Hair Art, il look perfetto nel pieno rispetto delle caratteristiche delle persone

Leggi l’approfondimento Ansa: Parrucchieri, necessario ripartire dalla formazione scolastica

Post Correlati

Articoli recenti

Roberto Balducci, della New Energy: “Scegliete sempre la qualità per rifare o arredare un bagno. Risparmierete tempo e denaro”

Il titolare dell’azienda torinese di idro termo sanitari spiega quali sono le strategie migliori nel settore. E quali errori evitare...

Dottoressa Cinzia Sisti: “Nella chirurgia estetica occorre equilibrare bellezza e benessere, senza stravolgere gli equilibri”

Stabilire o ristabilire quell’armonia corporea che ci rende più sereni, attraverso una chirurgia leggera che non si veda e non...

Marco Pusateri. Quando arredare con gusto e personalizzazione, è un’alchimia frutto di esperienza e lungimiranza

I mobili ed i complementi d’arredamento rispecchiano le personalità di ciascun individuo ma per venire incontro alle esigenze di ognuno...

Mauro Simioni (Ottocase srl, San Martino di Lupari – Padova): “La casa in legno? Non è detto che vada bene per tutti. Ma è il futuro”

Titolare dell’azienda specializzata nel settore della costruzione di case in legno, l’imprenditore parla dell’importanza di affidarsi a professionisti del settore...

Autogas Genova: “Il futuro del settore automobilistico è improntato all’ecologia. La conversione auto ad alimentazione a GPL o metano comporta numerosi vantaggi”

Autogas Genova, con un'esperienza di oltre trent'anni, offre tutti i servizi di meccanica ed è autofficina specializzata nella conversione auto...