Il Parquet di Giovanni Colombari: ogni pavimento è come un vestito su misura

A Presezzo, in provincia di Bergamo, passione ed esperienza di lungo corso sono i valori fondanti dell’azienda di Giovanni Colombari e di suo figlio Matteo, veri e propri sarti del parquet che accompagnano architetti, imprese e privati nella scelta consapevole di un’ampia varietà di soluzioni d’arredo che vedono il legno sempre protagonista.

“Come un abito anche il parquet deve essere su misura: pregio estetico, gradevolezza e comfort in ogni ambiente infatti non bastano a rendere il pavimento in legno un valore aggiunto per case, uffici, alberghi e teatri”: nasce da questa consapevolezza, frutto di oltre 40 anni di esperienza nel settore, il modus operandi de Il Parquet di Giovanni Colombari, azienda di Presezzo, in provincia di Bergamo, che si occupa di progettazione, vendita, posa in opera e finitura di pavimenti in legno e parquet di alta qualità in abitazioni, negozi, spazi civili e alberghieri. Nata nel 1980 e guidata da Giovanni, oggi affiancato dal figlio Matteo, Il Parquet di Giovanni Colombari è un punto di riferimento in tutta Italia grazie anche al nuovo showroom a Brembate di Sopra dove oltre a consigliare il parquet migliore vengono organizzati workshop formativi con architetti per condurli in modo consapevole alla scelta di un’ampia varietà di pavimenti, rivestimenti e altre soluzioni che vedono il legno sempre protagonista.

Come si è evoluta la professione del parquettista?

“Dire cosa c’è dentro un pezzo di legno che poi diventa un elemento di posa per pavimento e parquet non è semplice come potrebbe sembrare perché, che sia un elemento monostrato massiccio o che sia multistrato, c’è dietro un percorso lungo, complesso e articolato che inizia dalla foresta e termina con la soddisfazione del cliente che ha voluto un pavimento in legno per valorizzare il suo ambiente”.

E voi in cosa vi differenziate?

“Per noi il legno è una passione di famiglia, da generazioni, e ogni lavorazione viene eseguita utilizzando materiali di ultima generazione abbinando competenze artigianali e le più moderne tecniche di posa per garantire un risultato perfetto ad ogni intervento. Dalla vendita alla posa fino al servizio di post assistenza e a tutti gli interventi di restauro e ripristino ci poniamo di fatto come  un unico interlocutore per privati, imprese di costruzione, negozi di arredamento e studi di architettura”.

Quanto conta l’esperienza nel vostro settore?

“Conosco il legno fin da quando ho cominciato a posare pavimenti all’età di 13 anni. Da lì in poi ho sperimentato nuove tecniche e interpretato le necessità dei clienti più esigenti, realizzando anche pavimenti a disegno di tutti i formati e dimensioni, personalizzati e artistici”.

Non basta quindi scegliere il legno che più ci piace?

“Il discorso è molto ampio e per questo nel 1997 ho contribuito alla stesura del primo manuale per la posa di pavimenti in legno per uso civile, oggi arrivato alla terza edizione, che contiene i riferimenti tecnici e normativi a livello europeo e una vasta nomenclatura per operare a regola d’arte”.

Il parquet è adatto a ogni tipo di pavimentazione?

“Le variabili in gioco sono tante perché ogni legno ha composizioni diverse che bisogna tenere in considerazione: ad esempio, per le nuove costruzioni con sistema di riscaldamento a pavimento consigliamo essenze come Rovere, Teak, Iroko o Doussie. Per gli esterni, invece, Teak, Ipe, Frassino, Larice siberiano. Nei nostri showroom il cliente può trovare tutti i campioni dei materiali trattati in modo da poter “toccare con mano” i legni pregiati che proponiamo e scegliere colorazione, materiale e posa del pavimento o del rivestimento”.

Un particolare importante è quindi quello della provenienza dei materiali?

“Ci rivolgiamo ai migliori marchi del settore parquet, come AliParquet e Trapa, per cui siamo rivenditori ufficiali per la zona di Bergamo e provincia.  Importiamo anche direttamente dall’Est Europa, zone visitate in prima persona per verificarne la qualità. Ogni nostro parquet è infatti realizzato con legno proveniente da boschi gestiti in maniera ecologica e sostenibile e certificati in modo da minimizzare l’impatto ambientale di ogni installazione”.

Offrite anche soluzioni naturali e biologiche?

“Stiamo puntando molto sul parquet bio, sempre più apprezzato da clienti esigenti, designer e archistar di tutta Europa. Sono pavimenti pregiati e innovativi, prodotti interamente in legno di Rovere, Castagno o Noce e non sono verniciati ma hanno una finitura ad olio naturale di cocco e soia privo di sostanze chimiche. Sono parquet usati soprattutto nel campo della bioedilizia, etichettati da un ente specifico e con certificazione ignifuga di prima classe, ideali nelle case private come negli alberghi e negli edifici pubblici. Anche la manutenzione è più semplice perché non necessita di levigatura ma di un lavaggio con prodotto dedicato”.

Tra le commissioni più importanti?

“L’ultima è arrivata dallo chef stellato Ezio Gritti che ha scelto il nostro parquet bio per il suo nuovo ristorante in centro a Bergamo. Negli anni scorsi abbiamo realizzato anche la pavimentazione del teatro del Casinò di San Pellegrino Terme e i rivestimenti per il nuovo Relais San Lorenzo in Città Alta a Bergamo, un hotel con Spa dove abbiamo scelto un Rovere con una tonalità appositamente studiata per gli spazi interni e un teak resistente all’umidità nell’area wellness”.

È vero che il parquet è considerato un pavimento troppo delicato?

“Se pensiamo che in alberghi, teatri e musei di tutto il mondo ci sono pavimenti in legno che hanno secoli di storia alle spalle è facile capire che il fascino del parquet è legato proprio ai segni che il tempo lascia sulla sua superficie”.

E per chi invece vuole pavimenti sempre perfetti?

“Le soluzioni sono i laminati e i pavimenti in Pvc a effetto legno. Il laminato unisce resa estetica e qualità tecniche, anche in termini di durata e resistenza. Il pavimento in Pvc effetto legno è un’ottima soluzione per avere un pavimento bello come il parquet, con la praticità della ceramica”.

Il parquet è un rivestimento versatile?

“È adatto anche a rivestire pareti, controsoffitti e ogni superficie, cucina e bagno compresi, senza dimenticare scale, porte e complementi d’arredo. Grazie alle proprietà termiche, infatti, la fibra di legno è un’ottima soluzione contro la formazione di muffa negli ambienti umidi”.

In quale direzione sta andando il settore?

“Il legno si sta confermando un materiale sempre più apprezzato sul mercato dell’edilizia e dell’arredamento. La tendenza è quella di rivestire tutti i pavimenti della casa, comprese scale e porte, con una sola essenza per dare maggiore uniformità estetica all’ambiente”.

 

SCOPRI DI PIÙ

Leggi l’approfondimento Ansa Cucina gourmet e legno bio: il Parquet di Giovanni Colombari veste il nuovo ristorante di Ezio Gritti

Visita il sito Il Parquet Online

Post Correlati

Articoli recenti

Tiziana Bettenzana del Poliambulatorio Specialistico Golgi di Brescia: «Nella sanità privata il paziente viene prima di tutto»

L’attenzione verso la persona, il saper consigliare e confortare le esigenze di ciascuno sono un must essenziale per la sanità...

“Versatilità, affidabilità, tradizione e innovazione”: ecco le parole chiave del settore dell’illuminazione

I segreti di un’azienda solida e del successo di un “artigianato aziendale” svelati da MM Lampadari.  “Creare empatia con il...

Antonio Belsole: “Energia pulita e per tutti. Questo il futuro. E nel 2019 ci sarà una rivoluzione nel settore”

Il titolare di Pef Italia, azienda nata nel 2006, oggi fornitrice di energia pulita e consulente per famiglie e imprese...

Vito Chirenti (Chirenti snc): “Ecco come ampliare il vostro appartamento, utilizzando per tutto l’anno anche gli spazi all’aperto”

Vito Chirenti è l’amministratore unico della Chirenti snc, una azienda leader nel settore delle vetrate panoramiche, con oltre 50 anni...

Agenzia Funebre Stuardo: Umanità e discrezione. Così cambia il ruolo di un’azienda.

Quando l’agenzia funebre non è solo un trasporto ma diventa consulenza alle famiglie nel rispetto delle tradizioni locali. Antonino Stuardo,...