Veronica Gulli, Onoranze Funebri San Francesco: “Nel momento del dolore scegliete chi mette il cuore e la professionalità per onorare il vostro caro”

La giovane titolare dell’impresa funebre di Collegno, in provincia di Torino, fornisce alcuni consigli per chi si trova ad organizzare la cerimonia di commiato da un proprio familiare

 Veronica Gulli, 29 anni, titolare delle Onoranze Funebri San Francesco di Collegno, è la più giovane impresaria funebre della cintura torinese. Alle spalle, però, ha l’esperienza del padre, Enrico, che 37 anni fa fondò l’azienda a Grugliasco, a pochi chilometri di distanza. E con la sua sensibilità e delicatezza ascolta ed accoglie chi si trova ad affrontare il dolore di un lutto.

Veronica Gulli, come ci si approccia verso chi ha perso un proprio caro e vuole onorarlo nel migliore dei modi?

Con grande umanità. Bisogna sempre ricordarsi che chi ti contatta ha appena perso una persona cara e magari sta vivendo il momento peggiore della sua vita. Spesso mi sono trovata a condividere lacrime e storie di vita e solo in un secondo tempo a cercare insieme il modo migliore per rendere onore al proprio caro. E in questa fase bisogna mettere in campo professionalità e competenza.

Quali consigli può dare a chi si trova, magari inaspettatamente, a dover scegliere un’impresa funebre?

Spesso conviene ascoltare il parere di chi si è affidato ad un’impresa e si è trovato bene, perché purtroppo è facile, in quei momenti di fragilità, compiere scelte avventate e credere a illusorie promesse. A differenza del passato, negli ultimi anni, nel settore c’è  una forte concorrenza; non ci sono sufficienti controlli, e molte imprese nascono dal nulla, puntano molto sulla pubblicità ma poco sulla professionalità. Può succedere che una famiglia firmi un contratto per un funerale credendo di spendere una certa cifra e poi scopra, a cerimonia avvenuta, che nel preventivo non erano comprese alcune voci. Ci vuole trasparenza e onestà da parte delle imprese.

 Il prezzo, però, per molte famiglie è fondamentale, soprattutto perché, a volte, si tratta di costi che purtroppo non erano preventivati

Certamente, ne siamo consapevoli, e infatti si cerca di venire incontro alle esigenze delle famiglie, anche offrendo finanziamenti.  Però bisogna essere consapevoli che, se si pagano cifre non concorrenziali, si può incorrere in sgradevoli sorprese nel momento del commiato dal proprio caro.

Quali?

A prezzi troppo bassi può corrispondere una scarsa qualità del servizio funebre. Per esempio, i portantini devono aver seguito corsi di formazione e avere la qualifica da necrofori mentre molte imprese, per risparmiare, utilizzano personale non preparato, trasandato anche nell’abbigliamento.

Oppure, vengono proposte bare in legni scadenti, che arrivano dai Paesi dell’Est mentre noi proponiamo feretri di legno pregiato e di origine italiana.

Negli ultimi anni è cambiato il settore ma sono cambiate anche le usanze degli italiani per quanto riguarda i funerali

Sì, è così. La maggior parte delle persone sceglie ormai la pratica della cremazione, potrei stimare quasi il 70%. Anche in questo caso consiglierei di verificare la qualità dei materiali coi quali è costruita l’urna cineraria. E poi, scegliere un’impresa che conosca bene le normative sulla dispersione delle ceneri. In Italia è possibile anche la dispersione in natura, seppure con determinati limiti ma in tanti non la propongono. Una buona impresa funebre, invece, deve essere sempre aggiornata sulle direttive. Recentemente, una persona mi ha espresso il desiderio di disperdere le ceneri del proprio caro sul monte Musinè, in Val di Susa. Mi è bastato chiamare il Comune competente e avviare la pratica.

Nel nostro settore le pratiche burocratiche costituiscono una grande parte del lavoro, anzi sono sempre più numerose e complicate.

Per quale motivo?

Perché invece di snellirsi, come si potrebbe pensare, la burocrazia è diventata più complessa. Ma l’impresa funebre deve essere preparata ed occuparsi di ogni cavillo burocratico, in modo che la famiglia possa dedicarsi solo al commiato dal proprio caro.

SCOPRI DI PIÙ

Leggi l’approfondimento Ansa Veronica Gulli: proporre assistenza psicologica per aiutare ad elaborare un lutto

Visita il Sito Onoranze Funebri San Francesco di Gulli

 

Post Correlati

Articoli recenti

Britta Gelati: «Nel 2020 la riqualificazione edilizia va affrontata con una figura professionale di riferimento come l’architetto o l’ingegnere edile, in grado di seguire tutto l’intervento con competenza ed esperienza»

Nel settore dell’edilizia nel nord Italia si riscontra comunque una lieve crescita per quel che riguarda le nuove costruzioni, un...

Veronica Gulli, Onoranze Funebri San Francesco: “Nel momento del dolore scegliete chi mette il cuore e la professionalità per onorare il vostro caro”

La giovane titolare dell’impresa funebre di Collegno, in provincia di Torino, fornisce alcuni consigli per chi si trova ad organizzare...

Ornella Hugony, Communication Trend Italia: «Perché per tradurre non basta essere linguisti»

È opinione diffusa che per tradurre sia sufficiente conoscere a fondo una lingua straniera. O averne addirittura una conoscenza superficiale:...

Romano Capponi: “Per stipulare una polizza la scelta dell’agente assicurativo è fondamentale”

L’agente procuratore della Reale Mutua Assicurazioni di Sanremo spiega l’importanza di tutelarsi contro eventuali rischi futuri e aiuta a districarsi...

Anna Maddalena: i consigli per acquistare, vendere o affittare casa nel quadrante Roma Est, in particolare a Villaggio Prenestino e a Castelverde (Municipio Roma VI)

La titolare di DimensioneCasa Gold, ha maturato anni di esperienza nel settore delle compravendite immobiliari a Roma e ha una...